SAU!

Benvenuti nel sito dell'Associazione Storici dell'Arte Unitari. L’Associazione SAU nasce per sopperire alla mancanza di un’associazione nazionale di Storici dell’Arte. In un Paese come l’Italia, che come più volte è stato detto e scritto, riunisce un patrimonio di ricchezze storico-artistiche di inestimabile valore, proprio la figura dello Storico dell’Arte non è rappresentata. Il risultato è che chiunque si improvvista tale senza le qualifiche e i titoli idonei, così che la società civile è confusa sull’esistenza e l’esigenza di questa professione. Per tale ragione l’Associazione S.A.U. si prefigge l’arduo compito, grazie anche alla vostra partecipazione, ecco il perché del termine UNITARI, di riunire gli Storici dell’Arte italiani e di dargli voce per una partecipazione più attiva nella società.

L’ARTE DEL PAESAGGIO OVVERO DEL CONNUBIO TRA CULTURA E NATURA

logo_maack

L’ARTE DEL PAESAGGIO OVVERO DEL CONNUBIO TRA CULTURA E NATURA

MAACK – MUSEO ALL’APERTO DI ARTE CONTEMPORANEA KALENARTE

CASACALENDA (CB), MOLISE

3 MAGGIO 2014

 

 

 

La Regione Molise, il Comune di Casacalenda, l’Associazione Culturale Kalenarte, il MAACK Museo all’Aperto di Arte Contemporanea Kalenarte e l’Associazione S.A.U. – Storici dell’Arte Unitari sono lieti di presentare

 

L’ARTE DEL PAESAGGIO OVVERO DEL CONNUBIO TRA CULTURA E NATURA

 

 

BALDO DIODATOPOKER DI STELLE

 

NÉLIDA MENDOZASTRACULATORE/SC_TRECUELÉTÓRE

 

DUE NUOVE OPERE PER KALENARTE

 

a cura di Cristina Costanzo

MAACK MUSEO ALL’APERTO DI ARTE CONTEMPORANEA KALENARTE  CASACALENDA (CB), MOLISE

 

 

Il 3 maggio 2014 nella sede della Galleria Civica “Franco Libertucci” di Casacalenda si terrà la presentazione delle opere di Baldo Diodato e di Nélida Mendoza.

 

In occasione della presentazione degli interventi verrà presentato anche il catalogo

Le Donazioni 2013, con testo critico e schede a cura di Beatrice Mastrorilli e Federica Rigillo, dedicato al cospicuo gruppo di opere d’arte contemporanea donate da trentotto artisti alla Galleria Civica d’Arte Contemporanea “Franco Libertucci”.

 

Nel corso dell’evento saranno presentati anche Due video per il MAACK, a cura di Pasquale D’Imperio/Gruppo Kerem.

 

Il MAACK Museo all’Aperto di Arte Contemporanea Kalenarte, con sede a Casacalenda (CB), oggi si impone all’attenzione nazionale ed internazionale come una delle eccellenze territoriali della

Regione Molise e pregevole esempio di Museo a cielo aperto dedicato all’arte contemporanea.

 

Nel corso della sua attività più che ventennale il MAACK, nato nel 1990 da un’idea dell’artista e architetto Massimo Palumbo, ha coinvolto artisti di alto profilo invitandoli ad agire nel paesaggio e a dialogare con esso progettando opere ad hoc per la specificità territoriale molisana.

Il MAACK, dunque, non è soltanto una prestigiosa sede espositiva ma si afferma anche come luogo capace di suscitare suggestioni e di innescare un processo creativo che tenga conto tanto delle specificità culturali e del genius loci quanto della ricerca personale degli artisti invitati.

 

PROGRAMMA

 

ore 16.30

Maack_Museo all’Aperto d’Arte Contemporanea Kalenarte

 

> Visita ai nuovi siti

opere di

Baldo Diodato > Poker di stelle

Nélida Mendoza > Straculatore/Sc_trecuelétóre

 

 

ore 17.30

Galleria Civica d’Arte Contemporanea “Franco Libertucci”

Via Emilio De Gennaro, 86

 

Saluti

 

Marco Gagliardi – Sindaco di Casacalenda

Iole Ramaglia – Associazione Culturale Kalenarte_Maack

 

Donazioni 2013

Presentazione catalogo

 

Beatrice Mastrorilli – Storica dell’Arte

Federica Rigillo – Storica dell’Arte

 

L’arte del Paesaggio

Presentazione progetto

 

Massimo Palumbo – Architetto Direttore Scientifico MAACK

Cristina Costanzo – Storica dell’Arte, Curatore Kalenarte 2014

Paolo Granata – Professore – Università di Bologna

Paolo Di Laura Frattura – Presidente della Regione Molise

 

Due video per il Maack

a cura di Pasquale d’Imperio / Kerem Studio

Le domeniche con S.A.U.

Il Consiglio Direttivo dell’Associazione S.A.U. ha il piacere di proporvi un calendario di visite alle mostre più interessanti del momento a Roma.

Le visite si terranno la domenica.

Le visite sono consentite ai soli Soci.

Per ulteriori informazioni e per prenotazioni scrivete a : info@associazionesau.org

 

Domenica 13 aprile alle ore 16.30  visita alla mostra

“Rodin. Il marmo. La vita”  – Terme di Diocleziano, Roma

Appuntamento alle ore 16.15 all’ingresso – Via Enrico de Nicola, 79

Per iscriversi alla visita necessariamente inviare un’e-mail a info@associazionesau.org entro e non oltre il giorno 7 aprile.

La mostra presenta un corpus di oltre 60 opere, risultando la più completa rassegna che sia stata allestita sui marmi di Auguste Rodin. Curata da Aline Magnien, Conservatore capo del patrimonio del Musée Rodin di Parigi, in collaborazione con Flavio Arensi, l’esposizione presenta tre temi: “L’illusione della carne 1871-1895”; “La figura nel blocco 1895-1905”; “Verso l’incompiutezza 1905-1917”. Lo straordinario allestimento progettato dallo studio internazionale Bureau des Mésarchitectures  — Didier Faustino, stabilisce un dialogo con lo spazio architettonico delle Grandi Aule delle Terme di Diocleziano.

 

Domenica 27 aprile alle ore 16.30  visita alla mostra

“Frida Kahlo”- Scuderie del Quirinale, Roma

Appuntamento alle ore 16.15 all’ingresso  – Via XXIV Maggio, 16

Per iscriversi alla visita necessariamente inviare un’e-mail a info@associazionesau.org entro e non oltre il giorno 11 aprile.

La mostra alle Scuderie del Quirinale, presenta l’intera carriera artistica di Frida Kahlo riunendo i capolavori assoluti delle principali collezioni, raccolte pubbliche e private, provenienti da Messico, Europa e Stati Uniti. Oltre 40 straordinari capolavori da conoscere e scoprire insieme a S.A.U.

 

 

Domenica 18 maggio alle ore 16.30  visita alla mostra

“Alma-tadema e i pittori dell’800 inglese. Collezione Perez Simon” – Chiostro del Bramante, Roma

Appuntamento alle ore 16.15 all’ingresso  – Via Arco della Pace, 5

Per iscriversi alla visita necessariamente inviare un’e-mail a info@associazionesau.org entro e non oltre il giorno 7 maggio.

 

In mostra il mondo creato dai padri dell’Aesthetic Movement, accomunati da tendenze simili, ma ognuno con la sua personalità, i suoi temi prediletti, il suo personalissimo stile: da Millais e Rossetti, i padri preraffaelliti, insieme al poco più giovane Burnes Jones, fino al genio di sir Alma Tadema e le sue tele dedicate al mondo della Grecia e della Roma Imperiale, che hanno ispirato i film mitologici fino agli anni Settanta; ma anche i lavori di sir Frederic Leighton, accademia pura nel miglior senso del termine.

S.A.U. vi porterà alla scoperta delle 50 magnifiche opere della collezione di Pérez Simòn compiendo un viaggio nel tempo che si snoda tra mitologia, medioevo, drammi shakespeariani, ma anche scene di apparente quotidianità che si trasformano in quadri di enigmatica bellezza.

 

 

IN PROGRAMMA

Domenica 29 giugno alle ore 18.00 visita alla mostra

Warhol –Palazzo Cipolla, Roma

Appuntamento alle ore 17.45 all’ingresso  – Via del Corso, 320

Per iscriversi alla visita necessariamente inviare un’e-mail a info@associazionesau.org

Dopo il grande successo di pubblico ottenuto a Milano, Andy Warhol giunge finalmente a Roma. Le opere dell’artista statunitense, padre della Pop Art americana, saranno ospitate nelle sale del rinnovato Museo della Fondazione Roma, Palazzo Cipolla.
L’esposizione presenta oltre 150 opere, tele, fotografie, sculture che fanno parte della Brant Foundation e raccontano una storia intensa ed uno scambio culturale unico fra il giovane collezionista e l’artista. Un incontro dal quale nascerà un sodalizio unico dal quale sfocerà la mitica e rivoluzionaria rivista Interview fondata da Warhol stesso nel 1969 e che Brant acquisterà con la sua casa editrice subito dopo la morte dell’artista nel 1987.

 

Mafai–Kounellis – La libertà del pittore.

1963_Composizione astratta (3)

Il Consiglio Direttivo dell’Associazione S.A.U. ha il piacere di proporvi questa visita presso il Museo Carlo Bilotti Aranciera di Villa Borghese, che si terrà domenica 16 marzo alle ore 16,30.
La mostra prende le mosse da quella rivoluzionaria svolta impressa da Mafai al proprio lavoro a partire dagli anni 1957-58 per offrire, con uno straordinario omaggio di Jannis Kounellis al più anziano Maestro, una diversa angolazione di lettura del protagonista di un’epica stagione dell’arte a Roma. Come scrive il curatore Bruno Corà nel testo di catalogo si tratta di “un’opera, gesto globale, forte e semplice con il quale Kounellis usa il linguaggio di lamiere per offrire e sostenere le tele di Mafai”.

Per informazioni e prenotazioni contattateci al seguente indirizzo email :
info@associazionesau.org

Per conoscere le tariffe dei biglietti di ingresso al Museo Carlo Bilotti cliccare sul seguente link

http://www.museocarlobilotti.it/informazioni_pratiche/biglietti

La visita è consentita ai Soci. Con l’occasione ricordiamo per chi ancora non avesse rinnovato l’iscrizione per l’anno 2014 che è necessario versare la quota associativa:
Tessera Socio Ordinario 5 euro;
Tessera Socio Sostenitore 10 euro

Tale quota può essere versata sulla poste pay n. 4023600653736837 – cod. fisc. MSTBRC78A68H501C oppure chi desiderasse partecipare alla visita del 16 marzo potrà rinnovare la propria iscrizione ed effettuare il pagamento in contanti direttamente il giorno dell’evento.

Per ulteriori informazioni e per prenotazioni scrivete, entro il 10 marzo, a : info@associazionesau.org

Per saperne di più sulla mostra SAU consiglia :
http://www.associazionesau.org/uncategorized/mafai-kounellis-la-liberta-del-pittore/

Convegno internazionale di Studi sulla comunicazione museale

3b1f6cfb04191062fa576eb6c620f4fa_S

Segnaliamo il convegno internazionale “Comunicare il Museo oggi: dalle scelte museologiche al digitale”,che si terrà il 18 e 19 febbraio a Roma presso l’Aula Odeion della Facoltà di Lettere e Filosofia e l’Aula Venturi del Dipartimento di Storia dell’Arte e Spettacolo dell’Università “La Sapienza”. Promosso da Sapienza Università di Roma – Dipartimento di Storia dell’arte e Spettacolo – Regione Lazio.
“Valorizzare il nostro patrimonio museale è oggi al centro di scelte politiche e culturali discusse e di un dibattito non sempre meditato e sereno.
Ci sembra dunque utile e opportuno offrire un contributo scientifico tramite la presentazione di riflessioni e esperienze, nella convinzione che non può esserci valorizzazione senza un’adeguata comunicazione e senza la necessaria ricerca.
Di qui un Convegno internazionale di Studi sulla comunicazione museale: un tema di certo “antico”, ma che attualmente necessita di una riflessione critica aggiornata alla luce degli odierni media e dei nuovi utenti reali e potenziali di riferimento.
L’occasione ci è data dalla conclusione e dalla presentazione al pubblico del Progetto MUSART, che ha visto il Dipartimento di Storia dell’Arte e Spettacolo della Sapienza, impegnato in convenzione con la Regione Lazio, nell’indagine e nell’elaborazione di esperienze e prodotti finalizzati alla conoscenza e alla valorizzazione dei musei storico-artistici della Regione”.
Per scaricare il programma degli interventi cliccare qui. DEPLIANT DEFINITIVO (1)

Bando del MiBACT per 29 volontari del Servizio Civile. Reti ed associazioni del settore chiedono il ritiro: senza lavoro non c’è cultura!

47757_569650709765024_1626848617_n

Il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo ha pubblicato lo scorso 29 dicembre il bando per l’assunzione di 29 volontari del Servizio Civile Nazionale per il progetto “Archeologia in Cammino”, in occasione del Giubileo straordinario della Misericordia.

Le associazioni del Coordinamento Confassociazioni Beni e Professioni Culturali, la Rete della Conoscenza, gli animatori della campagna “Mi Riconosci? Sono un professionista dei Beni Culturali“ e la Cia denunciano la gravità e la pericolosità del bando in un settore nel quale si è già colpevolmente diffuso l’impiego del volontariato in sostituzione di professionisti retribuiti.

Il progetto ‘Archeologia in Cammino’, volto ad “implementare ed ampliare la conoscenza e la fruizione dei beni culturali, artistici e architettonici nel Municipio Roma I, prevede l’impiego di volontari del Servizio Civile Nazionale in mansioni che dovrebbero essere affidate ad archeologi, archivisti e storici dell’arte, ovvero a professionisti retribuiti, come denunciato dalla campagna Mi Riconosci? Sono un professionista dei beni culturali.

“Non avranno solo il compito di vigilare il patrimonio museale e archeologico e di svolgere funzioni di accoglienza” – dichiara Leonardo Bison, portavoce della campagna – ma saranno chiamati a collaborare nella “raccolta delle documentazione e delle informazioni sui beni presenti su territorio”, nel “reperimento di fotografie attuali e storiche”, nonché alla “creazione delle schede scientifiche con foto sulle caratteristiche storico-artistico-culturali dei beni presenti sul territorio”, attività espressamente legate alla ricerca e ai servizi professionali”.

“Dopo aver esaminato il bando confermiamo la nostra più ferma contrarietà. Siamo di fronte all’ennesimo e inaccettabile caso di utilizzo improprio del volontariato nei Beni Culturali” spiega Andrea Cipriani, presidente della Ragione del Restauro.

“Non si tratta di volontari in senso stretto, ma di “Servizio Civile Volontario” di cui non vogliamo negare la funzione di condivisione di valori comuni e fondanti l’ordinamento democratico – afferma Angelo Restaino, presidente di Archim”.

“Ma in un paese con il 45% di disoccupazione giovanile – aggiunge Salvo Barrano, presidente di Confassociazioni Beni e Professioni Culturali – il volontariato rischia di entrare a gamba tesa sulle competenze, innescando una pericolosa concorrenza al ribasso sulla pelle del patrimonio culturale e degli esperti del settore”.

”Prima il Ministero ricerca alte competenze professionali, dicendo di voler premiare le persone più qualificate, poi ne mortifica la professionalità e la dignità: chi sarà selezionato riceverà solo l’indennità prevista di 433.80 € mensili, senza garanzie per vitto e alloggio ma richiedendo flessibilità negli orari e disponibilità per i giorni festivi” – aggiungono Beatrice Mastrorilli, presidente di SAU e Stefania Ventra presidente di Startim- “Riteniamo il bando grave per i suoi contenuti e molto pericoloso, in quanto rischia di sdoganare definitivamente, essendo un progetto del Ministero stesso, il lavoro gratuito o semi-gratuito di volontari in sostituzione di professionisti esperti e retribuiti, in un settore dove l’uso improprio del volontariato è già troppo diffuso a livello di enti locali e singole istituzioni” – incalza Nadia Di Bella, responsabile di GBeA – “Il tutto mentre 150 istruttori culturali e decine di archeologi, bibliotecari e storici dell’arte, vincitori del concorso bandito nel 2010 dal Comune di Roma, sono ancora in attesa di essere assunti, senza alcune garanzia sul loro futuro” – dichiara Alessandro Pintucci, presidente di CIA.

“Per questi motivi chiediamo al MiBACT il ritiro del bando: è necessario un impegno per scongiurare l’utilizzo improprio del Servizio Civile Nazionale come escamotage a buon mercato per far fronte alla disoccupazione giovanile nel settore dei Beni Culturali” – concludono le associazioni nella nota – “Siamo fermamente convinti che nel settore dei beni culturali sia possibile creare reali opportunià per la buona occupazione, con compensi adeguati e diritti pieni, senza lavoro non c’è cultura, c’è solo fuffa – chiosa Salvo Barrano”.

“Per evitare in futuro continue situazioni di conflitto e contenzioso – conclude Guido Cioni della Rete della Conoscenza – chiediamo inoltre al Ministro Franceschini un tavolo di confronto tra MiBACT, associazioni professionali e Presidenza del Consiglio tramite il Dipartimento della Gioventù per rivedere l’impostazione stessa dell’istituto del Servizio Civile che, pur rispondendo ad una missione fondamentale, non è più rispondente alla situazione attuale e rischia quindi di diventare un ostacolo piuttosto che un incentivo al lavoro. Se il Ministero non dovesse compiere passi indietro, nei prossimi giorni valuteremo collettivamente ulteriori iniziative comuni di protesta”.

ANA – Associazione Nazionale Archeologi

Archim – Archivisti in Movimento

CIA – Confederazione Italiana Archeologi

GBeA- Giovani Bibliotecari e Aspiranti

Mi Riconosci? Sono un professionista dei Beni Culturali

ARR- Associazione La Ragione del Restauro

Rete della Conoscenza

SAU – Storici dell’Arte Unitari

Startim – Storici dell’Arte in Movimento

Arte, Illusione e prospettiva: La Galleria Spada – 20 dicembre – ore 15

Borromini Pal Spada

Percorso alla scoperta di uno dei più prestigiosi palazzi romani, oggi sede del Consiglio di Stato, il cui piano nobile è una prezioso scrigno d’arte collezionistica. La Galleria creata dal Cardinale Bernardino Spada, è un esempio illustre di “quadreria artistica all’antica” dove si affiancano, tra gli altri, i nomi di Guido Reni, Guercino, Brueghel il vecchio, Tiziano Vecellio, Orazio e Artemisia Gentileschi.

Ma la meraviglia del luogo è accresciuta anche dallo stupore che suscita in chi arriva a palazzo la celebre  Galleria Prospettica commissionata dal cardinale, vero amante del genere, all’architetto Francesco Borromini che la eseguì tra il 1652 e il 1653.

Appuntamento ore 14,45 , davanti all’ingresso del palazzo (Piazza Capo di Ferro 13)

Costo della visita: 4,00 Euro + Biglietto d’ingresso alla Galleria

 Intero € 5,00

Ridotto € 2,50
– Ragazzi tra i 18 e i 25 anni

Riduzioni valide solo per i cittadini dell’Unione Europea previa esibizione di un documento d’identità

Ingresso gratuito

– Minori di 18 anni

Studenti e docenti delle facoltà di: Storia dell’arte, Architettura, Conservazione dei beni culturali, Scienze della formazione, Accademia di Belle Arti, Lettere con indirizzo storico-artistico
Docenti sia di ruolo che a contratto a tempo determinato, presentando il modello MIUR. Iniziativa valida fino al 31/12/2014

– Dipendenti MiBACT – Ministero per i Beni e le Attività Culturali e Turismo
– Appartenenti all’I.C.O.M. (International Council of Museums)
– Guide ed interpreti turistici in servizio
– Giornalisti con tesserino dell’ordine

Per Info e per la prenotazione obbligatoria, da effettuarsi entro il 17 dicembre ore 17.00 : Mobile 3338020083;e-mail info@associazionesau.org

La visita è consentita ai soli Soci e comunque previa iscrizione all’Associazione SAU  direttamente al momento della visita stessa.

 

Armonie d’arte nel Rinascimento romano: La Villa Farnesina alla Lungara – 13 dicembre – ore 15

Raphael's_Triumph_of_Galatea_02

Un viaggio nel tempo in uno dei più affascinanti luoghi del rinascimento romano: La Villa Farnesina alla Lungara, oggi sede di rappresentanza della Accademia dei Lincei, situata nel cuore di Trastevere, uno dei più aristocratici e armonici edifici del Rinascimento italiano; voluta da Agostino Chigi e progettata da Baldassarre Peruzzi, affrescata con dipinti ispirati ai miti classici da Raffaello SanzioSebastiano del PiomboGiovanni da UdineGiovanni Bazzi detto il SodomaGiulio Romano e Giovan Francesco Penni, divenne nel sedicesimo secolo la villa suburbana del “Gran Cardinale” Alessandro Farnese tanto da conservarne nel nome il ricordo.

Appuntamento alle ore 14.45, davanti all’ingresso della Villa Farnesina (Via della Lungara 230)-

Costo della visita: 4,00 Euro + Biglietto d’ingresso alla Villa
Biglietto ordinario Euro 6,00:

  • da 18 a 65 anni

Biglietto Euro 5,00:

  • Dai 14 anni compiuti ai 18 anni
  • Oltre i 65 anni d’età
  • Insegnanti con tesserino di riconoscimento
  • Titolari ICOM

Biglietto Euro 3,00:

  • Dai 10 anni compiuti ai 14 anni

Biglietto gratuito:

Bambini fino ai 10 anni accompagnati dai genitori

Visitatori disabili con accompagnatore

Giornalisti con tesserino di riconoscimento

Guide turistiche autorizzate con tesserino

 

Per Info e per la prenotazione obbligatoria, da effettuarsi entro il 10 dicembre ore 17.00: Mobile 3338020083; e-mail info@associazionesau.org

 

La visita è consentita ai soli Soci SAU e comunque previa iscrizione all’Associazione SAU direttamente al momento della visita stessa.

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: