SAU!

Benvenuti nel sito dell'Associazione Storici dell'Arte Unitari. L’Associazione SAU nasce per sopperire alla mancanza di un’associazione nazionale di Storici dell’Arte. In un Paese come l’Italia, che come più volte è stato detto e scritto, riunisce un patrimonio di ricchezze storico-artistiche di inestimabile valore, proprio la figura dello Storico dell’Arte non è rappresentata. Il risultato è che chiunque si improvvista tale senza le qualifiche e i titoli idonei, così che la società civile è confusa sull’esistenza e l’esigenza di questa professione. Per tale ragione l’Associazione S.A.U. si prefigge l’arduo compito, grazie anche alla vostra partecipazione, ecco il perché del termine UNITARI, di riunire gli Storici dell’Arte italiani e di dargli voce per una partecipazione più attiva nella società.

Tra storia, arte e poesia. Visita guidata al Cimitero Acattolico.

Rome's Non Catholic Cemetery, The Final Resting Place Of Poets Shelley And Keats
Una mescolanza di lacrime e sorrisi, di pietre e di fiori, di cipressi in lutto e di cielo luminoso, che ci dà l’impressione di volgere uno sguardo alla morte dal lato più felice della tomba. (Henry James)
Uno storico dell’arte vi guiderà nell’affascinante cimitero acattolico di Roma (già cimitero degli Inglesi, o anche “cimitero dei protestanti”, o nella lingua parlata “cimitero del Testaccio”, o “cimitero degli artisti e dei poeti” si trova a Roma, nel quartiere di Testaccio, vicino a Porta San Paolo, a lato della Piramide Cestia. Qui sono passati Shelley, Keats, Wilde e Goethe, la cui poesia è stata ispirata dopo averlo visitato. E alcuni hanno deciso di essere sepolti: gli stessi Shelley, Keats, ma anche magici scrittori italiani del calibro di Carlo Emilio Gadda e Dario Bellezza.
Vi invitiamo quindi a seguirci e a scoprire, in modo del tutto differente dal solito, questo luogo straordinario e ricco di storia.

Orario visita pomeriggio15.30

Ingresso: 3 euro (donazione per mantenimento cimitero)

Visita Guidata: 4 euro per i soci
4+3 euro per chi si iscrive come socio ordinario
4+5 euro per chi si iscrive come socio sostenitore

Appuntamento ore 15.00 Via Caio Cestio, 6.
Prenotazione obbligatoria entro il 30 ottobre ore 17.00.
Mobile 3338020083 e-mail info@associazionesau.org

POST

Visita guidata Casino Massimo Lancellotti (in Villa Giustiniani Massimo)

12027295_1001352466594844_4327612201290121098_o

 

Una storica dell’arte vi condurrà nella splendida cornice del Casino Massimo Lancellotti (in Villa Giustiniani Massimo) giorno 11 ottobre.
L’edificio fu realizzato nei primi del ‘600 all’interno di Villa Giustiniani (poi Massimo Lancellotti), ormai scomparsa in seguito alla edificazione dello stesso parco.

Per l’occasione sarà possibile visitare Il casino, tipico esempio del gusto tardo manierista, che rappresenta la più importante testimonianza dell’attività artistica a Roma, nell’800, dei Nazareni, i pittori germanici che si ispiravano alla pittura italiana del primo Rinascimento.
L’edificio presenta i prospetti arricchiti da sculture antiche e decorazioni in stucco raffiguranti le aquile dei Giustiniani e le colombe dei Pamphilj. Gli ambienti interni sono invece affrescati con scene tratte dai maggiori poemi della letteratura italiana: dall’Orlando Furioso dell’Ariosto; dalla Gerusalemme Liberata del Tasso; dall’Inferno, dal Purgatorio e dal Paradiso di Dante.
Dal 1948 l’edificio è sede della delegazione dei Francescani di Terra Santa.meno a questa fama in circa cinquecento anni.

Ingresso: gratuito

Visita Guidata: 4 euro per i soci
4+3 euro per chi si iscrive come socio ordinario
4+5 euro per chi si iscrive come socio sostenitore

Appuntamento: Via Matteo Boiardo, 16 ore 10,30

Prenotazione obbligatoria entro il 10 ottobre ore 17.00: Mobile 3338020083
e-mail info@associazionesau.org

Intervento S.A.U. alla tavola rotonda “Le associazioni per i beni culturali”

Oggi, 9 marzo 2015, ore 16.00, l’Associazione S.A.U. ha partecipato alla tavola rotonda “Le associazioni professionali per i beni culturali”, presso l’aula magna dell’ Università degli Studi di Padova. I numerosi interventi si sono articolati attraverso varie tematiche dalla formazione alle prospettive e sbocchi lavorativi. 
L’intervento di S.A.U., a rappresentare la professione dello storico dell’arte, ha risposto alle questioni sollevate nella giornata di dibattiti e confronti, sottolineando l’ importanza dell’adeguamento della formazione post lauream, in particolare, delle scuole di specializzazione, come evidenziato dall’intervento del Vicepresidente Federica Rigillo: ” La proposta formativa universitaria dovrebbe avvicinarsi al modello anglosassone dei Museum Studies, nell’ottica di un’integrazione tra il mondo della ricerca e delle professioni museali, già individuate dalla Carta Icom entrata in vigore nel 2006. Gli insegnamenti dovrebbero essere tenuti anche dai professionisti del settore per colmare il gap tra il mondo accademico e quello lavorativo, come già avviene in ambito francese all’Ecole du Louvre, dove vengono formati i futuri funzionari storici dell’arte”.
Altro punto importante, sollevato dal Presidente S.A.U., Beatrice Mastrorilli, è stato il ribadire la necessità del riconoscimento della professione, perchè in caso contrario non potrà mai esserci tutela professionale. Attraverso la Legge 110/2014 si è fatto un primo passo avanti, ma fino all’approvazione dei decreti attuativi, di fatto, le professioni dei beni culturali e, quindi, anche quella dello storico dell’arte, non hanno alcun riconoscimento giuridico. Di conseguenza, chi ha un’alta formazione accademica vede spesso svilite le proprie possibilità lavorative dovendo affrontare quotidianamente la concorrenza di quanti, privi di adeguata formazione e senza alcun titolo, svolgono le attività di settore. A tal proposito S.A.U., insieme alle associazioni professionali di settore, facenti parte di Confassociazioni beni culturali, sta lavorando alla proposta dei requisiti per l’iscrizione negli elenchi di Professionisti previsti dalla legge 22 luglio 2014 n. 110 (Riconoscimento delle professioni dei Beni Culturali), a cui in sede di dibattito si è dato rilievo.
11041700_886721714724587_774753515195652778_n 11041744_886721808057911_8896700205576278941_n 11041795_886721744724584_3371649369078079335_n 11053084_886941984702560_26600409347232101_n